Riflessione sui centri psichici: bindu visarga – 2° parte

bindu visarga

La sede del nèttare In molti testi tantrici è scritto che bindu, la luna, produce una secrezione altamente inebriante. Gli yogi possono vivere di questo fluido d’ambrosia. Quando questa secrezione viene attivata nel corpo e padroneggiata, allora non c’è bisogno di altro per sopravvivere. Il mantenimento della vitalità del corpo diventa indipendente dal cibo. Spesso è stato riferito di persone … Continua a leggere

Riflessione sui centri psichici: bindu visarga – 1° parte

Bindu visarga o bindu chakra o soma chakra

La sorgente della creazione Bindu visarga è oltre il regno dell’esperienza ordinaria, e anche nei testi tantrici molto poco è scritto a suo riguardo. È il magazzino di tutti i karma dell’uomo appartenenti alle sue vite precedenti. Questi karma non sono solo sotto forma di vasana, ma anche nella forma di memorie. La parola bindu significa “goccia o punto”. È … Continua a leggere

Riflessione sui centri psichici: vishuddhi chakra – 2° parte

altra immaginevishuddhi chakra

Vishuddhi chakra: nèttare e veleno Nelle scritture tantriche si dice che all’interno di bindu, nel retro del capo, la luna secerne un fluido vitale, o essenza, conosciuto come nèttare. Questo fluido trascendentale gocciola nella coscienza individuale da bindu visarga. In questo contesto bindu può essere considerato come il centro o il passaggio attraverso cui l’individualità emerge dalla coscienza cosmica in … Continua a leggere

Shat-Chakra-Nirupana: il Fiore di Loto Sahasrara

sahasrara chakra

Shat-Chakra-Nirupana La descrizione dei sei centri Il Fiore di Loto Sahasrara è descritto nel Shat-Chakra-Nirupana nei versetti dal 40 al 49. Al di sopra (della fine) della Sushumna Nadi c’è il Fiore di Loto dai mille petali; è bianco e ha la corolla rivolta all’in giù; i filamenti sono rossi. Le cinquanta lettere dell’alfabeto da A a La, anch’esse bianche, … Continua a leggere

Nada sanchalana (dirigere la consapevolezza del suono)

Nada sanchalana (dirigere la consapevolezza del suono)

Kriya n. 3 : Nada sanchalana (dirigere la consapevolezza del suono) Questo kriya fa parte del gruppo di kriya che inducono pratyahara. Sedete in siddhasana, siddha yoni asana o padmasana. Espirate completamente. Tenete gli occhi aperti. Piegate la testa in avanti in modo rilassato. Il mento non dovrebbe comprimere con forza il torace. Portate la consapevolezza a muladhara chakra. Ripetete … Continua a leggere

Riflessione sui centri psichici: swadhisthana chakra – 4° parte

Trasformare l’energia primaria Quando nessun desiderio sessuale di nessun tipo si manifesta più in un aspirante e quando non c’è più alcuna attrazione personale, significa che la kundalini è passata attraverso swadhisthana chakra. Tuttavia, trattando l’argomento del sesso, la vostra conoscenza deve essere più completa. Sebbene al momento possiate non avere alcuna consapevolezza sessuale, questo non significa che i vostri … Continua a leggere

Chakra anusandhana (la scoperta dei chakra)

Kriya n. 2 : Chakra anusandhana (la scoperta dei chakra) Questo kriya fa parte del gruppo di kriya che inducono pratyahara. Assumete siddhasana, siddha yoni asana o padmasana. Chiudete gli occhi. Respirate normalmente. In questa pratica non vi è connessione tra il respiro e la consapevolezza. Portate la consapevolezza a muladhara chakra. Ora fate salire lentamente la consapevolezza lungo il … Continua a leggere

Shat-Chakra-Nirupana: il Fiore di Loto Swadhisthana

Swadhisthana chakra

Shat-Chakra-Nirupana La descrizione dei sei centri Dopo aver descritto il Muladhara, l’Autore descrive lo Swadhisthana Chakra in cinque versetti, dal quattordicesimo al diciottesimo. Sindūra-pūrarucirāruņapadmamanyat sauṣuṁņamadhyaghaṭitaṁ dhvajamūladeśe Aṅgacchadaiḥ parivṛtaṁ taḍidābhavarņaiḥ bādyaiḥ sabindu-lasitaiśca Puraṁdarāntaiḥ 14 – Un altro Fiore di Loto è posto dentro la Sushumna alla radice dei genitali, ed è di un bellissimo colore vermiglio.Sui suoi sei petali vi sono … Continua a leggere

Vama marga: il guru tantrico è la donna

Shakti, Divina Madre, il guru tantrico è donna

Proprio come nello schema della creazione Shakti è la creatrice e Shiva è il testimone dell’intero gioco, così nel Tantra la donna riveste il ruolo di guru e l’uomo quello di discepolo. La tradizione tantrica, in effetti, viene tramandata all’uomo dalla donna. Nella pratica tantrica la donna è l’iniziatrice. È solo per mezzo del suo potere che ha luogo l’atto … Continua a leggere

Vama marga: trattenere bindu

Bindu significa punto o goccia. Nel Tantra bindu è considerato il nucleo o il luogo ove risiede la materia, il punto dal quale tutta la creazione diviene manifesta. In effetti, l’origine di bindu è nei centri superiori del cervello. Ma a causa dello svilupparsi delle emozioni e delle passioni, bindu discende nella regione più bassa dove viene trasformato nello sperma … Continua a leggere