Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Riflessione sui centri psichici: swadhisthana chakra – 4° parte

suryanamaskara 0

sesso, amore, devozione sono forme diverse di energia

Trasformare l’energia primaria

Quando nessun desiderio sessuale di nessun tipo si manifesta più in un aspirante e quando non c’è più alcuna attrazione personale, significa che la kundalini è passata attraverso swadhisthana chakra.
Tuttavia, trattando l’argomento del sesso, la vostra conoscenza deve essere più completa.
Sebbene al momento possiate non avere alcuna consapevolezza sessuale, questo non significa che i vostri desideri siano stati sradicati.
Essi potrebbero essere solo repressi.
C’è un processo automatico di repressione nella costituzione umana, è questo è inerente al nostro stato mentale.
I rishi indù hanno asserito che la consapevolezza sessuale e i desideri possono manifestarsi a ogni stadio dell’evoluzione. Essi si esprimono molto chiaramente e intensamente quando si è in swadhisthana e si hanno continue fantasie; ma la consapevolezza sessuale non muore mai realmente perché è alimentata dall’energia primaria che è sempre presente.
Il sesso è solo un’espressione di quell’energia, quindi può manifestarsi in ogni stadio, e non si dovrebbe mai pensare di averlo trasceso.
È ssempre presente, anche quando ci si trova nello stato più elevato di coscienza. La sola differenza è che in swadhisthana è in una condizione disturbata, mentre nei centri più elevati di evoluzione è in forma di seme.
Alla fine cos’è bhakti o devozione? È la forma pura e sublimata dell’energia sessuale.
L’energia a differenti livelli è conosciuta con nomi differenti.
Ai livelli più alti viene chiamata esperienza spirituale.
A livello emozionale è conosciuta come amore.
A livello fisico è conosciuta come sesso e, ai livelli più bassi, è conosciuta come avidya, o ignoranza.
Così, quando parlate del sesso, dovete capire che è solo una particolare forma di energia.
Così come yogurt, burro e formaggio sono forme differenti di un’unica cosa, il latte, l’energia ha diverse manifestazioni.
La materia è la manifestazione più grossolana di energia; nello stato finale, la materia è energia.
Quindi energia e materia sono intercambiabili. Un pensiero è un oggetto e un oggetto è un pensiero.
Questo corpo è coscienza e la coscienza è diventata questo corpo.
Nello stesso modo in cui capite questo, dovete rianalizzare e ridefinire la consapevolezza sessuale.
I rishi dicono che la stessa energia che fluisce attraverso la passione, quando viene canalizzata, si manifesta come devozione.
Canalizzate ancora questa energia, ed essa si manifesterà come esperienza spirituale.
Per questo gli aspiranti spirituali amano Dio in varie manifestazioni.
Qualcuno lo raffigura come un padre, una madre, un bambino, un amico, un marito, un amante. In questo modo essi possono sublimare la forma della loro energia emozionale e anche trasformare l’energia primaria in esperienza divina.

Tendenze psichiche di swadhisthana

Ad un più alto livello, swadhisthana agisce come un interruttore per bindu. Questo è il punto dove ha origine il suono primario.
Ogni risveglio in swadhisthana è simultaneamente portato fino a bindu, dove si sperimenta nella forma di corpo sonoro, che è un importante attributo psichico di questo chakra.
Secondo i testi tantrici, ci sono molte altre qualità/tendenze psichiche ottenute attraverso il risveglio di swadhisthana chakra. Queste comprendono: perdita della paura dell’acqua, nascita di una conoscenza intuitiva, coscienza di entità astrali, capacità di gustare qualunque cosa per sé e per gli altri.
Bisogna ricordare che fino a swadhisthana la consapevolezza non è ancora purificata. A causa dell’ignoranza e della confusione, i poteri psichici risvegliati a questo livello sono spesso accompagnati da dannosi attributi mentali. Accade che quando un aspirante prova a manifestare o esprimere se stesso attraverso un mezzo psichico, quasi sempre esso diventa un veicolo delle tendenze personali inferiori piuttosto che del divino.
La sostanza è questa: il risveglio della kundalini non è un’impresa difficile, ma lo è attraversare swadhisthana. Per questo dovete migliorare l’intero quadro della vostra vita psico-emozionale.
Una volta oltrepassato swadhisthana non dovete più affrontare nessun altro trauma esplosivo, ma successivamente ci saranno altre difficoltà. È improbabile che la kundalini discenda di nuovo dal momento che è diretta verso l’alto, ma i problemi che affronterete riguarderanno i siddhi, ed essi sono più difficili da controllare.

Questo articolo è il quarto della serie dedicata alla riflessione sul centro psichico denominato swadhisthana chakra.
Leggi i precedenti articoli della serie:
Riflessione sui centri psichici: swadhisthana chakra – 1° parte | 2° parte | 3° parte

Da “Kundalini Tantra”, Swami Satyananda Saraswati, edizioni Satyananda Ashram Italia 1984