Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Chidakasha Dharana, la concentrazione nello spazio della coscienza

suryanamaskara 0

Dharana Darshan

Concetto di Dharana

Il concetto di Dharana non è solo quello di fermare i pensieri, ma di portare la tua attenzione, la tua consapevolezza, in uno stadio in cui la maggior parte delle facoltà del corpo e della mente funzionano insieme. Pertanto, in dharana c’è maggiore rilassamento, maggiore potere mentale, maggiore concentrazione. Questo è il modo di allenare la mente.

Secondo la teoria e il concetto di yoga, la meditazione è uno stato mentale e di coscienza in cui ci sono prontezza, dinamismo, dissociazione della mente e dei sensi e concentrazione totale. Non è sicuramente un processo per bloccare eventi o esperienze che ci condizionano costantemente.

Nei Raja Yoga Sutra il processo di meditazione è stato diviso in otto fasi:

  1. yama (auto-moderazione)
  2. niyama (regole fisse)
  3. asana (postura)
  4. pranayama (controllo del respiro)
  5. pratyahara (ritiro sensoriale)
  6. dharana (concentrazione)
  7. dhyana (meditazione) e
  8. samadhi (coscienza trascendentale)

I primi quattro stadi sono conosciuti come i bahiranga, o yoga esterni, in cui viene compiuto uno sforzo per armonizzare il corpo, per risvegliare l’energia pranica all’interno del corpo e per raggiungere un punto di totale stabilità ed equanimità all’interno del corpo.

Viaggio interiore

Devi spostarti verso il centro della mente dalle esperienze periferiche della mente: pensieri, sentimenti, emozioni, desideri che stiamo vivendo costantemente e continuamente nella nostra vita.

Per arrivare al centro della mente deve esserci una consapevolezza dell’attività periferica e il controllo su di essa.

Questo aspetto è stato enfatizzato nell’aspetto di pratyahara e dharana. Le pratiche attuali di meditazione sono solo di pratyahara e dharana. In nessuna parte della tradizione yogica troverai dhyana menzionato come pratica o tecnica.

Ma troverai un’ampia varietà di tecniche di pratyahara e dharana come il Tattwa Dharana, il Chidakasha Dharana e il Vyoma Panchaka Dharana.

Verso la coscienza trascendentale

Il termine yogico per la concentrazione è dharana, che significa “tenere la mente ad un punto”. Questa presa o legame della mente a un punto è il concetto di dharana.

In sanscrito, la parola dharana deriva dalla radice dhri, che significa “fondamento” o “base”. Quindi, quell’oggetto o concetto su cui la mente è saldamente basata è l’effettiva definizione di dharana.

Nella tradizione yogica, il dharana appartiene agli stadi interni del raja yoga, che è la via della disciplina mentale.

Dharana segue lo stadio del pratyahara in cui la mente si ritira dagli oggetti sensoriali esterni e si interiorizza.

देशबन्धः चित्तस्य धारणा ॥१॥

deśa-bandhaḥ cittasya dhāranā

La concentrazione è la localizzazione della mente.”
Yogasutra – Libro delle facoltà sovrannaturali (Vibhuti pada): Sutra 1

Dopo aver separato la mente dai sensi, la mente può andare in profondità. Può creare i propri mondi mentre i sensi rimangono all’esterno. Una volta che siamo in grado di creare questa differenziazione o distinzione tra la consapevolezza sensoriale e la consapevolezza mentale, allora la mente può essere diretta ad andare più in profondità in altri stati in cui il Dharana diventa intenso.

Man mano che la consapevolezza mentale si approfondisce, e quando c’è totale assenza di consapevolezza sensoriale, allora avviene dharana.

Chidakasha Dharana

La parola chid o chitta significa “coscienza”, quindi chidakasha è lo spazio della coscienza. Questo spazio si trova nella regione della testa, dietro la fronte.

Chidakasha è lo schermo della mente

Chidakasha è anche conosciuto come lo schermo mentale o lo schermo di osservazione di Agya Chakra. Se chiudi gli occhi per qualche secondo, vedrai uno spazio davanti. Questa è la schermata mentale su cui è possibile visualizzare molte visioni e impressioni sottili che si manifestano dai livelli più profondi della vostra coscienza.

Chidakasha è la grotta della mente

Chidakasha può anche essere paragonato ad una grotta. Se guardi una caverna dall’esterno, tutto ciò che puoi vedere è un impenetrabile muro di tenebre. È così buio che non puoi vedere nulla dentro. Quando entri nella caverna, tuttavia, e i tuoi occhi si abituano all’oscurità, allora inizi a vedere le cose. Sebbene queste cose fossero già presenti in precedenza, non sei stato in grado di vederle. La grotta che prima sembrava completamente piena di buio contiene invece molte cose, anche cose che non ti aspettavi di vedere.

È lo stesso con la caverna della mente. All’inizio, quando guardi nella caverna del chidakasha, non vedrai nulla e penserai che non c’è niente da vedere. Ma come ti abitui, inizierai a sviluppare la consapevolezza del tuo essere interiore. Questo è il chidakasha dharana. In questa pratica il chidakasha è visualizzato come una grotta buia o stanza con quattro pareti, un pavimento e un soffitto. Nel pavimento c’è un tunnel che porta verso il basso. Questo è Sushumna Nadi. Sulla parete frontale è lo schermo mentale su cui appaiono le visioni.

Nel chidakasha dharana c’è un graduale approfondimento della percezione dall’esperienza sensoriale fisica all’esperienza psichica e pranica. Le esperienze sensoriali fisiche devono essere percepite nella regione del chidakasha.

Ciò avviene in tre forme: (i) consapevolezza della memoria esistente, (ii) consapevolezza della manifestazione spontanea, naturale all’interno di chidakasha e (iii) visualizzazione.

Consapevolezza della memoria

La memoria è usata nel senso che quando inizialmente diventiamo consapevoli della mente e cerchiamo di calmare la mente che salta, la mente errante, allora in quel momento la mente di solito pensa a qualcosa. È impegnata in qualche altra consapevolezza. Potresti non essere consapevole di questo fatto, ma la mente è impegnata in un pensiero, in alcuni ricordi, in qualche evento che è stato vissuto durante il giorno. Quindi, attraverso la memoria, la mente sta analizzando e creando una qualche forma di comprensione di quello che sta accadendo.

Potrebbe essere un evento molto semplice come un discorso che potresti aver avuto con qualcuno. Quel discorso o quell’interazione continua dentro nella forma di un ricordo. Se ne venite a conoscenza, vedrete anche l’immagine visiva di quella connessione. Man mano che aumenti la consapevolezza, diventerai anche consapevole delle altre esperienze sensoriali, esperienze tattili, come il vento che soffia contro il corpo, il fresco del vento, il calore degli abiti e così via. La consapevolezza di quella memoria che ha tenuto impegnata la mente è il primo processo in questa tecnica del chidakasha.

Questa tecnica tende anche a rimuovere ogni impressione che si sta formando nella mente, e quell’impressione potrebbe anche essere l’inizio di qualche altra catena di eventi che potrebbe influenzare la vita in seguito. È molto difficile sapere cosa succede nella mente – come eventi insignificanti possono alterare il modello mentale, la percezione mentale, la consapevolezza mentale. Quindi, prendere coscienza consapevolmente dell’impegno della mente è la prima fase di questo processo.

Consapevolezza della manifestazione spontanea

L’aspetto successivo è l’osservazione delle naturali manifestazioni spontanee del chidakasha, che è la pratica comune: immagini che emergono, bagliori che si vedono, figure che si manifestano, ombre che attraversano lo schermo del chidakasha. Quindi, qui abbiamo visto due aspetti del chidakasha, uno che è l’impegno mentale e l’altro che è una creazione spontanea dei sensi.

Nel secondo aspetto devi identificare i colori, le ombre e le luci. Questa è la parte più basilare della pratica. Inizialmente è difficile identificare colori diversi.

La pratica è in realtà molto complessa e richiede molto tempo per essere padroneggiata. Se identificate il colore blu, dovete vedere il colore blu in un punto o una striscia di luce o qualcosa di simile a ciò che si manifesta. Se identificate il colore rosso, dovreste vedere il rosso. Se giallo, allora dovreste vedere il giallo. In questo modo, la consapevolezza del colore deve svilupparsi gradualmente nel chidakasha. Questo dà il controllo sulle sensazioni visive che vengono create a causa di un effetto ottico nel cervello e che si manifestano anche come una spontanea, naturale produzione di colori nel chidakasha.

Visualizzazione

Il terzo aspetto è dove creiamo consapevolmente l’immagine o l’impressione e la visualizziamo sullo schermo mentale.

Questo viene fatto prima osservando qualsiasi forma geometrica che possa sorgere nel chidakasha. Quindi, visualizzando il processo di scrittura psichica in cui numeri, lettere e forme geometriche sono scritti psichicamente sullo schermo del chidakasha e usati come oggetti di concentrazione, prima individualmente e poi tutti insieme.

La visualizzazione è seguita dalla pratica di fluttuare nello spazio che sviluppa la sottile sensazione di levitazione.

Questo, in breve, è il processo del Chidakasha Dharana.

Tecnica

Fase 1: Preparazione

Sedetevi in una postura di meditazione confortevole. Regolate la posizione in modo che non ci sia bisogno di muovere il corpo durante la pratica. Assicuratevi che la spina dorsale sia eretta e la testa dritta. Mettete le mani sulle ginocchia o sul grembo. Le palpebre e le labbra devono essere chiuse delicatamente ma fermamente, non troppo strette o troppo larghe. Per alcuni momenti, osservate mentalmente la posizione del corpo e prendete coscienza di come state seduti. Osservate la posizione delle dita dei piedi, dei piedi, delle caviglie, delle ginocchia, delle gambe, delle dita, delle mani, delle braccia, delle spalle, della schiena, dei glutei, del torace, dell’addome, del tronco, del collo e della testa.

Fase 2: Specchio del corpo

Cercate di creare un’immagine mentale di voi stessi. Immaginate mentalmente che ci sia uno specchio a figura intera davanti a voi e il vostro corpo si rifletta in quello specchio. Provate a vedere il riflesso del corpo nello specchio. Completa consapevolezza del corpo che si riflette nello specchio. State guardando il riflesso di voi stessi. In quel riflesso del corpo prendete coscienza della posizione, della postura, in cui siete seduti al momento. Osservate anche i vostri vestiti nel riflesso. Osservate i capelli e l’espressione facciale. È come se foste seduti davanti a uno specchio a figura intera con gli occhi aperti.

Fase 3: Respirazione Trikona

Spostate la consapevolezza al processo di respirazione. Osservate il respiro naturale mentre si muove su e giù per le narici.

Dovrebbe esserci una consapevolezza incessante e ininterrotta della respirazione. Sentite il flusso del respiro dentro e fuori dalle narici. Mentre inspirate, i due flussi d’aria si muovono verso l’alto e si incontrano al centro delle sopracciglia. Mentre espirate, i due flussi divergono e si spostano verso il basso. I due flussi di respiro formano un percorso triangolare con la parte superiore del triangolo al centro delle sopracciglia. Continuate a sperimentare il movimento convergente e divergente del respiro.

Guardate il respiro che si muove su e giù per i lati del triangolo. Sentite la vostra consapevolezza che si fonde con il respiro.

Fase 4: Entrare nello spazio della testa

Portate la vostra attenzione al centro delle sopracciglia. Diventate consapevoli dell’oscurità. Osservate lo spazio nero davanti agli occhi chiusi. Non irrigidite i muscoli oculari concentrandovi troppo. Basta osservare lo spazio nero, il cielo vuoto. Siate consapevoli dello spazio di chitta, l’aspetto della mente che percepisce, che sperimenta lo spazio della coscienza.

Esperite chidakasha nella sua totalità, lo spazio che si estende oltre il regno dei sensi fisici, lo spazio situato nella regione sopra Vishuddhi e sotto Sahasrara.

Fisicamente, l’intera regione della testa è l’area del chidakasha. Sperimentate il cielo nero del chidakasha in tutta la vostra testa. Diventate consapevoli dello spazio oscuro che vi circonda, dentro. Sviluppate la consapevolezza totale del chidakasha, lo spazio interiore, sopra, sotto, tutto intorno a voi. Non c’è nient’altro che la sensazione del cielo vuoto.

Fase 5: La grotta di chidakasha

Concentrate la vostra attenzione sul chidakasha, lo spazio all’interno della testa. Immaginate che l’interno della testa sia come una grotta o una piccola stanza buia. La fronte forma la parete frontale. La parte posteriore della testa forma la parete posteriore. I lati della testa formano le pareti laterali. La base del cervello a livello degli occhi e delle orecchie forma il pavimento, e la corona della testa è il tetto. Siate consapevoli del chidakasha nella forma di una piccola stanza o grotta. Consapevolezza della stanza all’interno della testa, una stanza completamente chiusa e buia. Osservatela.

Visualizzatevi in piedi nel mezzo della stanza.

Guardatevi intorno. Sviluppate la stessa esperienza che avreste in una stanza completamente buia, chiusa, senza luci, porte o finestre. Provate la stanza del chidakasha, la grotta del chidakasha. Portate la consapevolezza nella parte anteriore della stanza, dietro il muro della fronte.

Camminate lentamente verso la parete posteriore, la parte posteriore della testa. Dal retro osservate la parete frontale. Venite al centro della testa e visualizzatevi in piedi. Guardatevi intorno e sentite la vastità, il vuoto del chidakasha.

Sviluppate l’esperienza del silenzio interiore, della quiete interiore, dell’immobilità mentale. Distaccatevi da voi stessi, dalla vostra consapevolezza, dalla mente e dalle sue percezioni, dal corpo e dalle sue percezioni. Diventate consapevoli dello stato interiore del silenzio, della quiete e dell’immobilità.

Fase 6: Impressioni nella memoria

Siate testimoni dello spazio del chidakasha, prendete coscienza delle impressioni sensoriali nella memoria. Osservate le impressioni sensoriali che sono attive nella mente in questo momento.

Che tipo di esperienze sensoriali vengono percepite in chidakasha? Siate consapevoli degli input uditivi, degli input visivi, degli input tattili, degli input del gusto, che possono essere attivi nella memoria, all’interno del chidakasha. Osservateli solo una volta. Siate pienamente consapevole del campo di memoria che è attivo nello spazio del chidakasha. Quindi iniziate ad osservare le manifestazioni sensoriali nel chidakasha nelle forme di colori, forme, flussi di luce o differenti sensazioni fisiologiche.

Fase 7: Manifestazioni sensoriali

Mantenete l’attenzione concentrata sul chidakasha. Siate consapevoli del movimento di colore e luce. Questo movimento può essere visto sotto forma di strisce di luce o di colore, sotto forma di diverse sfumature di oscurità, sotto forma di movimenti oscuri. Siate consapevoli dei naturali movimenti spontanei di luce, ombra e colore nel chidakasha. A volte si muovono così velocemente che non è possibile identificare un colore o una forma. Compaiono e scompaiono ogni momento che passa. A volte un grappolo di luce o di colore si manifesta nel chidakasha e rimane lì per qualche istante prima che si dissolva. Quando succede, guardatelo.

Osservate il movimento nel chidakasha, che sia di ombra, luce o colore. Non permettete che la vostra attenzione sia distratta dalla pratica. Siate consapevoli di nient’altro che il movimento dell’ombra, del colore e della luce nel chidakasha. Se c’è un chiacchiericcio sotto forma di inchiesta, sotto forma di analisi o in qualsiasi altra forma, fermatelo. Siate pienamente consapevoli di ciò che state osservando in chidakasha. Non razionalizzate nulla, semplicemente osservate.

Sviluppate gradualmente la consapevolezza del chidakasha, del vuoto, del vasto cielo. Provate ad immaginare come si sente un astronauta quando viaggia nello spazio. C’è un’oscurità completa intorno a lui, e in quell’oscurità può vedere le stelle brillare in diversi colori, dimensioni e forme. Dovete provare un’esperienza simile. Sperimentate questo vasto spazio di chidakasha. Una parte della coscienza dovrebbe sperimentare, l’altra parte dovrebbe solo osservare l’esperienza, osservare le sensazioni, obiettivamente.

Fase 8: Creazione di immagini

Pensate a qualsiasi cosa. Il primo pensiero che vi viene in mente, qualunque esso sia, provate a vederne un’immagine. Date forma al vostro pensiero. Se pensate a un fiore, create un’immagine del fiore in chidakasha. Se pensate ad un albero, create l’immagine di un albero. Se pensate al fuoco, create l’immagine del fuoco. Ma per favore ricordate, solo il primo pensiero che vi viene in mente dovrebbe ricevere una forma. Se create un’immagine dopo averla pensata, allora non è valida. Il processo deve essere spontaneo.

Create un’immagine con i punti di colore e luce che galleggiano nel chidakasha. Riempite l’immagine che avete creato con colori, luci e ombre. Fate uno sforzo consapevole per dare colori alla forma che create in chidakasha.

Fase 9: Visualizzazione di uno Yantra

Pensate a uno yantra, a una particolare forma geometrica o a una combinazione di forme, con intensità. Qualsiasi yantra va bene, anche quello di cui potreste aver sentito parlare da qualcuno. Non importa se avete già visto uno yantra o no. Pensate a esso con intensità. Osservatelo naturalmente e spontaneamente.

Osservate il chidakasha con intensità, indipendentemente dal fatto che la forma geometrica di uno yantra appaia o no. Il pensiero, l’idea, la percezione dello yantra devono venire dalla mente subconscia. Quando i pensieri appaiono dal subconscio e c’è intensità di pensiero e sentimento, l’immagine di uno yantra è destinata a venire fuori. Non importa se vedete l’immagine dello yantra in una sola seduta o in dieci sedute.

Non pensateci. Preoccupatevi solo dell’intensità della concentrazione, con la consapevolezza del chidakasha.

Non permettete che la dissipazione mentale distragga la vostra consapevolezza della pratica. Non perdete l’intensità della concentrazione e consapevolezza.

Fase 10: Scrittura psichica

Il prossimo stadio del chidakasha dharana è la scrittura psichica.

Immaginate l’intero chidakasha come una grande lavagna. State andando a scrivere sulla lavagna con diversi gessetti colorati. Prima di tutto, con il gesso bianco scrivete il vostro nome in maiuscolo nell’angolo in alto a sinistra della lavagna di chidakasha. Dopo di che, con il gesso giallo, sotto il nome scrivete i numeri da uno a dieci con le virgole tra di loro.

Quindi con il gesso arancione disegnate piccoli cerchi nella terza riga. Prima disegnate un cerchio sotto il numero uno.

Disegnate un secondo cerchio sotto il numero due. Disegnate un altro cerchio sotto il numero tre. Disegnate un altro e un altro. Ora con il gesso colorato di rosso disegnate piccoli quadrati sotto i cerchi. Ancora una volta prendete il gesso bianco colorato e disegnate triangoli. Sotto ogni quadrato disegnate un triangolo.

Ora guardate l’intera lavagna. Vedete il vostro nome scritto nell’angolo a sinistra. Vedete i numeri sulla seconda riga, i cerchi sul terzo, i quadrati sul quarto e i triangoli sul quinto.

Fase 11: Fluttuare nello spazio

Ora cancellate tutta la scrittura. Ritornate alla consapevolezza del chidakasha. Visualizzate l’intero spazio di testa, il vasto cielo, sotto forma di un cerchio, una sfera, una sfera con una piccola apertura rotonda. Entrate nella sfera attraverso l’apertura rotonda. State galleggiando in una sfera. Questa esperienza di fluttuare dentro la sfera del chidakasha avverrà solo quando ci sarà un totale equilibrio fisico e stabilità.

Una volta che questo sarà raggiunto ci sarà una sensazione di galleggiamento o levitazione. Dovrete sforzarvi di ottenere questa sottile esperienza di fluttuare nello spazio controllando prima il corpo, le sensazioni del corpo. Quindi entrate nella sfera del chidakasha e sperimentate il fluttuare in essa. Cercate di sviluppare e intensificare questa sensazione che rappresenta la coordinazione e l’armonia tra l’esperienza fisiologica e l’esperienza del chidakasha.

Fase 12: Fine della pratica

Diventate consapevoli del chidakasha, lo spazio mentale. Siate consapevoli dello stesso spazio che pervade tutto il corpo. Sviluppate la consapevolezza del corpo fisico e della postura.

Sentite il peso del corpo contro il pavimento. Consapevolezza totale del corpo fisico. Siate consapevoli del processo della respirazione. Siate consapevoli dell’ambiente circostante.

Ascoltate qualsiasi suono esterno. Inspirate profondamente e cantate Om tre volte.

Nota pratica

Sono stati trattati gli aspetti principali del chidakasha dharana. Tuttavia, dovrete padroneggiare ogni fase, una alla volta. Dovreste cercare di perfezionare ogni fase indipendentemente. Procedete alla fase successiva solo dopo aver raggiunto la piena padronanza della precedente.

Questo è necessario per acquisire una comprensione esperienziale del processo piuttosto che una comprensione teorica.

Hari Om Tat Sat

Fonte

Dharana Darshan – Swami Niranjanananda Saraswati – Yoga Publications Trust, Munger, Bihar, India