Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Kashtha Takshanasana (Tagliare la legna)

suryanamaskara 0

Kashtha Takshanasana (Tagliare la legna)
Kashtha Takshanasana

Pratica 5: Kashtha Takshanasana (Tagliare la legna)

Kashtha Takshanasana (Tagliare la legna) è il quinto esercizio del Gruppo Shakti Bandha della Serie di Pawanmuktasana

Assumete la posizione accovacciata con i piedi sul pavimento separati di circa 40 cm.
Le ginocchia sono completamente piegate e separate.
Intrecciate le dita delle mani e portatele sul pavimento, tra i piedi.
Raddrizzate le braccia mantenendole sempre tese.
I gomiti dovrebbero essere all’interno delle ginocchia.
Gli occhi sono aperti.

Immaginate il movimento del tagliare la legna.
Sollevate le braccia più in alto possibile oltre e dietro la testa, allungando la colonna vertebrale verso l’alto.
Guardate in alto verso le mani.
Date un colpo verso il basso con le mani, come per tagliare un pezzo di legna.
Espellete il respiro dalla bocca emettendo il suono “ha!” per eliminare tutta l’aria dai polmoni.
Le mani dovrebbero ritornare al pavimento tra i piedi e la testa rivolta in avanti.

Questo è un ciclo.
Praticate da 5 a 10 cicli.
Respirazione
Inspirate mentre sollevate le braccia ed espirate mentre le abbassate.
Consapevolezza
Sul respiro, sul movimento e sullo stiramento dei muscoli delle spalle e della parte superiore della schiena.
Benefici
Kashtha Takshanasana scioglie la cintura pelvica e tonifica i muscoli pelvici.
È utile per le donne che si preparano alla gravidanza e può essere praticata durante i primi tre mesi di gravidanza.
Ha anche un effetto notevole sui muscoli, solitamente irraggiungibili, della schiena tra le scapole, oltre che sull’articolazione delle spalle e sui muscoli della parte superiore della schiena.
Aiuta a liberare la frustrazione e alleggerire l’umore.
Nota pratica
Se la posizione accovacciata è troppo difficile, si può praticare rimanendo in piedi.
I benefici, tuttavia, saranno inferiori.

I bambini eseguono con maggiore facilità Kashtha Takshanasa in quanto hanno un’articolazione dell’anca aperta e flessibile.

Fonte:
Swami Satyananda Saraswati, “Asana Pranayama Mudra Bandha”, Yoga Publications Trust 2008