Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Vama marga e il risveglio della kundalini

suryanamaskara 0

Le figure mitologiche di Shiva e Shakti per simboleggiare vama marga

La scienza del Tantra ha due rami principali conosciuti come vama marga e dakshina marga.
Vama marga è la via di sinistra, che combina la vita sessuale con le pratiche yogiche allo scopo di far esplodere i centri di energia dormiente.
Dakshina marga è la via di destra delle pratiche yogiche, senza attività sessuale.
Le denominazioni di via di destra o di sinistra non hanno alcuna valenza politica o ideologica.


La vita sessuale ha sempre rappresentato un problema per l’umanità.
Sin dalle origini della storia l’energia primaria è stata fraintesa.
I maestri di religione e i moralisti l’hanno denunciata.
Ma, nonostante ciò, la vita sessuale è continuata, non perché l’uomo la rispetti, ma peerché ne ha bisogno.
Può capitare che vi rinunci, ma non può sradicarla dalla sua mente perché è uno dei bisogni più potenti.
Nel contesto dello Yoga e del Tantra, la definizione comune della vita sessuale non riveste alcuna importanza, perché errata ed assolutamente non scientifica.
La definizione comune della vita sessuale ha creato una società di ipocriti, ed ha portato migliaia di giovani all’ospedale psichiatrico.
Quando desiderate qualcosa che pensate sia male, sorgono in voi ogni genere di sensi di colpa.
Questo è l’inizio della schizofrenia e, in una ceerta misura, tutti noi siamo schizofrenici.
Perciò gli yogi hanno cercato di dare una direzione corretta allo stimolo sessuale.
Lo yoga non interferisce con la vita sessuale.
La vita sessuale normale non è né spirituale né aspirituale.
Ma se praticate yoga e ne perfezionate alcune tecniche, allora la vita sessuale diviene spirituale.
E, se la vostra è una vita di celibato, anche questa è spirituale.
Una volta, a causa delle barriere poste alla vita sessuale, la via che veniva seguita maggiormente era dakshina marga. Oggi, però, quelle barriere sono state rapidamente abbattute, e la via che viene cercata dovunque è vama marga, che utilizza la vita sessuale per lo sviluppo spirituale.

Secondo il Tantra, la vita sessuale ha un triplice scopo. Alcuni la praticano per la procreazione, altri per il piacere, ma lo yogi tantrico la pratica per il samadhi.
Egli non vede alcuna negatività nella vita sessuale, infatti la pratica come parte del suo sadhana. Ma allo stesso tempo sa che per i fini spirituali l’esperienza deve essere mantenuta. Ordinariamente questa esperienza viene perduta prima che si riesca ad approfondirla. Perfezionando alcune tecniche, comunque, tale esperienza può continuare anche nel corso della vita quotidiana. Allora i centri silenti del cervello vengono risvegliati ed iniziano a funzionare ininterrottamente.

Da “Kundalini Tantra”, Swami Satyananda Saraswati, edizioni Satyananda Ashram Italia 1984