Crea sito
Press "Enter" to skip to content

L’esperienza del risveglio: un’esplosione di esperienze

suryanamaskara 0

risveglio

Quando ha luogo il risveglio effettivo della kundalini, vi è una esplosione nel campo dell’esperienza e vi sono sintomi che a volte sono molto difficili da capire.


L’esperienza più singolare e comune è la liberazione dell’energia, come una scossa elettrica dalla base della colonna vertebrale, proprio come se fosse connessa ad una presa di corrente.
Questa esperienza può essere accompagnata da una sensazione di bruciore in muladhara chakra e da energia che scorre su e giù lungo sushumna.
A volte si sente il suono di tamburi, flauti, campanelli, uccelli, musica celestiale oppure si può udire perfino il canto di pavoni.
Potreste avere la sensazione momentanea di trovarvi seduti all’aperto nel mezzo di una pioggia monsonica e vi potrebbe essere anche la sensazione di nuvole scuro in continuo movimento sopra la vostra testa ed il suono del tuono.
A volte potete sentire il corpo così leggero ed anche visualizzare il vostro midollo spinale come una luce fluorescente.
Anche la sensazione di illuminazione interna è comune, come se centinaia di piccole luci fossero accese dentro il vostro corpo.
Un altro aspetto connesso con l’effettivo risveglio è l’emergere di tutta la rabbia, le passioni e tutto ciò che è stato represso.
A volte si è talmente pieni di paura da non riuscire a dormire, a volte per molti giorni di seguito non si ha altro in mente che il sesso, a volte non si riesce a pensare ad altro che al cibo.
Comunque, tutti questi sintomi passano nel giro di pochi giorni o settimane.
Alcune persone acquisiscono poteri psichici, sviluppano chiaroveggenza, telepatia, chiarudienza, psicotelecinesi, capacità di guarire, ecc., e questo porta molte tentazioni.
Si tratta solo di una fase transitoria.
Può capitare di non aver voglia di mangiare per molti giorni di seguito.
Non si ha appetito per quindici o venti giorni, ed è impossibile mangiare anche se si viene forzati.
Altro sintomo possibile è una sensazione di depressione nervosa: si ha voglia solo di star seduti, oppure si ha la sensazione di essere limitati e chiusi.
Vi è distacco dalle normali emozioni della vita, può capitare che per molti giorni di seguito si sia preda di un totale scoramento.
Non si ha interesse nella vita e tutto sembra arido come il deserto, ma nello stesso tempo la mente diviene molto dinamica e sembra senza forma.
Hanno luogo anche altre sensazioni, emozioni poetiche e percezioni artistiche, come visioni di angeli e divinità.
Può emergere di tutto dalle profondità della mente.
Questi sono solo alcuni dei sintomi di cui si può fare esperienza, tutti sintomi che comunque scompaiono rapidamente.
La tempesta prima o poi si calma, e poi lo yogi vive una vita molto normale.
Esternamente la sua vita sembra la stessa di qualsiasi altra persona, ma la consapevolezza interiore è infinitamente più ampia.

Da “Kundalini Tantra”, Swami Satyananda Saraswati, edizioni Satyananda Ashram Italia 1984