Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Metodi di risveglio: tapasya

suryanamaskara 0

Paramahamsa Satyananda
Il terzo metodo per il risveglio è tapasya, che significa praticare austerità.
Tapasya è un mezzo di purificazione, una combustione o fuoco che crea un processo di eliminazione, non nel corpo fisico, ma nei corpi mentale ed emozionale.
Tramite questo processo la mente, le emozioni e l’intera personalità vengono purificate da tutti i depositi, i complessi e gli schemi di comportamento che sono causa di dolore e sofferenza.
Tapasya è un atto di purificazione. Non dovrebbe essere frainteso con lo star nudi nell’acqua fredda o nella neve od osservare austerità sciocche e senza senso.
Quando volete eliminare una cattiva abitudine, più volete liberarvene e più potente diventa. Se la abbandonate nello stato di veglia, essa appare nei sogni, e quando bloccate quei sogni, si esprime nel vostro comportamento o si manifesta con una malattia.
Quella particolare abitudine deve essere distrutta alla sua radice psichica, non solo a livello conscio.
I samskara e le vasana devono essere eliminati per mezzo di qualche forma di tapasya.
Tapasya è un processo psicoemozionale, attraverso il quale l’aspirante cerca di mettere in moto un processo di trasformazione che sradicherà le abitudini che creano debolezza e impediscono il risveglio della forza di volontà.
“Devo fare questo, ma non ci riesco”.
Perché nella mente dell’aspirante sorge questa differenza tra risoluzione e messa in pratica? Perché è così grande?
Questo è causato da una carenza di volontà; e quella debolezza, quella barriera o distanza tra risoluzione ed esecuzione possono essere rimosse attraverso la costante e regolare pratica di tapasya.
Allora la forza di volontà prende una decisione una volta per tutte e il problema è risolto.
Questa forza di volontà è il frutto di tapasya.
La psicologia dell’austerità gioca un ruolo molto importante nel risveglio dei poteri latenti dell’uomo. Questo non è ben compreso dall’uomo moderno che purtroppo ha accettato di vivere secondo il “principio del piacere”, come proposto da Freud e dai suoi discepoli.
La psicologia dell’austerità è molto equilibrata e certamente non è anormale.
Quando i sensi sono soddisfatti dai piaceri materiali, dalle comodità e dal lusso, il cervello ed il sistema nervoso si indeboliscono e la coscienza e l’energia subiscono un processo di regressione.
E’ in una situazione come questa che il metodo dell’austerità è uno dei più potenti – e a volte esplosivi – per il risveglio.
Qui le manifestazioni sono tremende e l’aspirante all’inizio deve confrontarsi con i suoi istinti più bassi. Deve affrontare una moltitudine di tentazioni e l’assalto delle forze negative e tamasiche.
Tutti i samskara e i karma negativi di molte e molte incarnazioni vengono in superficie.
A volte la paura si manifesta in modo molto potente, oppure si fa sentire con molta forza l’attaccamento al mondo.
In alcune persone fantasie sessuali ossessionano la mente per giorni interi, mentre altre persone diventano magre e sciupate e avolte si ammalano.
A questo punto cruciale possono apparire i siddhi. Si sviluppano percezioni extrasensoriali, si può leggere nella mente degli altri, si può reprimere un altro con il pensiero.
All’inizio si manifestano forze di magia nera e tutti questi siddhi sono negativi o di qualità inferiore.
Tapasya è un metodo molto, molto potente di risveglio che non è alla portata di tutti.

Da “Kundalini Tantra”, Swami Satyananda Saraswati, edizioni Satyananda Ashram Italia 1984