Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Dhanurakarshanasana (postura dell’arciere)

suryanamaskara 0

Dhanurakarshanasana

Dhanurakarshanasana (postura dell’arciere)

Sedete in ardha padmasana con il piede destro sulla parte superiore della coscia e lo sguardo fisso su un punto, come se si mirasse ad un bersaglio.
Questa è la posizione base.
Afferrate il piede destro con la mano sinistra e il piede sinistro, o l’alluce del piede destro, con la mano destra.
Tenete la schiena e la testa eretta.
Alzate il piede destro verso l’orecchio sinistro.
Questa è la posizione finale.
Mantenete finché è comodo.
Appoggiate il piede destro sulla coscia sinistra in ardha padmasana, rilasciate il piede sinistro, e rilassatevi.
Ripetere sull’altro lato.
Praticate fino a 3 volte su ogni lato.
Respirazione: Inspirate mentre si tira il piede verso l’orecchio.
Trattenete il respiro per una durata confortevole nella posizione finale.
Espirate mentre tornate in ardha padmasana.
Consapevolezza
Fisica: sulla flessibilità del ginocchio, piede e anca, sul mantenere la schiena e la testa diritta e sul mettere a fuoco il bersaglio coordinando il movimento con il respiro.
Spirituale: su swadhisthana chakra.
Sequenza: dhanurakarshanasana può essere eseguito a qualsiasi stadio del programma di asana.
Controindicazioni: coloro che soffrono di ernia del disco, sciatica o dislocazione delle articolazioni dell’anca non dovrebbero praticarlo.
Benefici: dhanurakarshanasana è un eccellente asana per allentare le articolazioni dell’anca e flessibilizzare le gambe. Rinforza le braccia e tonifica gli organi addominali. Esso aiuta ad alleviare la tensione nella schiena e al collo, ed è utile per le persone con idrocele.
Variante: una volta che questa forma di base può essere effettuata senza sforzo, può essere tentata con il tallone del piede destro appoggiato sul palmo della mano sinistra.
Nota: la parola “dhanu” significa “arco” e la parola “akarshan” significa “tirare”. Questa posizione è molto elegante ed aggraziata ed ha l’aspetto di un arciere in procinto di scoccare una freccia dal suo arco.