Crea sito
Press "Enter" to skip to content

Regole per praticare le asana capovolte

suryanamaskara 0

regole per le asana capovolte
Le asana capovolte invertono l’azione della gravità sul corpo; invece di tirare verso i piedi, la gravità è orientata verso la testa. Allo stesso modo, sul piano emotivo e psichico, le asana invertite cambiano i vecchi modelli di comportamento e di essere.
In genere, queste pratiche sono rinfrescanti e rivitalizzanti. Migliorano la salute, riducono l’ansia e lo stress, aumentano la fiducia in se stessi, aumentano la concentrazione mentale e la capacità di sostenere grandi carichi di lavoro senza conseguenze.
Le asana capovolte favoriscono il flusso di sangue verso il cervello, quindi favoriscono il nutrimento ai neuroni e il deflusso di tossine. Il sangue, accumulato negli arti inferiori, del bacino e addome, viene drenato verso il cuore, poi pompato ai polmoni, purificato e rimesso in circolazione. Il flusso di sangue arricchito permette alla ghiandola pituitaria di operare in modo più efficiente, e di mettere a punto tutto il sistema endocrino. Questo ha un effetto positivo sui processi metabolici e psichici.
Mentre il corpo è in un asana invertita, il respiro diventa lento e profondo, massimizzando lo scambio di ossigeno e anidride carbonica, e incoraggiando una corretta respirazione. Inoltre, gli organi addominali: il fegato, la milza, stomaco, reni e il pancreas, ricevono un massaggio potente, che li aiuta a svolgere le loro funzioni in modo più efficiente.
Tradizionalmente, le asana capovolte sono usate per trasformare l’energia sessuale in energia spirituale. L’obiettivo delle pratiche, in questo contesto, è quello di stimolare i chakra, la nadi Sushumna e kundalini shakti per realizzare il risveglio psichico. Mentre è improbabile che kundalini sarà fatta risalire attraverso la pratica di soli questi asana, le posture invertite senza dubbio migliorano la qualità della meditazione e la concentrazione, raffinano la coscienza consentendole di entrare in livelli inesplorati della mente.
Queste pratiche potenti devono essere eseguite in modo corretto e con la massima cura, rispettando scrupolosamente le osservanze.
Tempo di pratica
Non praticate asana capovolte fino ad almeno tre ore dopo l’assunzione di cibo. Non eseguite asana invertite immediatamente dopo l’attività fisica intensa.
Attrezzatura
Praticate sempre queste asana su una coperta ripiegata o su uno yoga mat di spessore sufficiente a proteggere le vertebre del collo e la parte posteriore della testa. Mai praticare su un materasso morbido, letto a molla o cuscini.
Durata
I principianti dovrebbero rimanere nelle posizioni finali per alcuni secondi. Una volta che un asana può essere mantenuta senza provare la minima difficoltà, la durata può essere aumentata gradualmente fino a che può essere tenuta per il tempo consigliato.
Riposo
Fate seguire sempre le posizioni capovolte con Shavasana. Rilassatevi fino a quando il respiro e il battito cardiaco sono del tutto normali, quindi praticare l’asana da contrapporre.
Precauzioni
Non praticate vicino a mobili o qualsiasi cosa che possa impedire una caduta libera a terra. Durante una caduta all’indietro o in avanti, sostenete la caduta con i piedi. Mentre cade, il corpo deve essere completamente rilassato, non teso. Se si verifica alcun fastidio, interrompete la pratica.
Avvertenze
Le persone convalescenti da operazioni, le donne in gravidanza, le persone con malattie infiammatorie e gli anziani, dovrebbero osservare con attenzione le controindicazioni per i singoli asana.
Le asana capovolte comprendono:
1. Le posizioni semi-rovesciate in cui il tronco e la testa sono orizzontali, ma i piedi sono sollevati sopra la testa, per esempio Purwa Halasana. In generale, non sono molto impegnative, ma più attenzione è necessaria se sono anche pratiche faticose, per esempio padotthanasana quando eseguito con entrambe le gambe sollevate.
2. Le posizioni semi-rovesciate in cui la testa è al di sotto del tronco, per le quali le controindicazioni devono essere pienamente rispettate, ad esempio pada hastasana, e tanto più se le asana sono anche faticose, per esempio sirshapada bhumi sparshasana.
3. Le posizioni completamente invertite, come sarvangasana o Sirshasana.
Controindicazioni
Le persone che soffrono di disturbi cardiaci, ipertensione o problemi alla schiena, ernia del disco in particolare, non dovrebbero praticare queste asana. Quelli con malattie che rendono impuro il sangue non dovrebbero eseguire asana invertite fino a quando il sangue viene purificato. Le persone con arteriosclerosi, glaucoma, infezioni all’orecchio in atto o malattie del cervello devono astenersi dal provare asana capovolte. Quelli con problemi cervicali non dovrebbe praticare posture dove il collo deve sopportare il peso del corpo o di parte di esso. Le donne non dovrebbero praticare posture invertite durante la gravidanza o il ciclo mestruale.
Nota pratica
Assumere le posture lentamente e delicatamente.
Le asana capovolte, con la loro controparte, sono di solito collocate al termine di un programma di asana. Non combinate Mayurasana con asana invertite in una sessione di prove libere.
I destrimani apprenderanno facilmente questi asana praticandole prima con il lato destro.

banner di suryanamaskara
banner di suryanamaskara