Anatomia e fisiologia degli asana

asana

Anatomia e fisiologia degli asana II termine āsana (आसन, pronuncia: aàsana) significa, letteralmente, «posizione seduta» o semplicemente «posizione»: esso indica una postura corporea che contribuisce alla stabilità fisica e mentale e ingenera un senso di benessere. Il termine asana è pure usato ad indicare una stuoia vegetale, o anche una pelle d’antilope ben conciata, che costituiscono un comodo supporto per … Continua a leggere

Riflessione sui centri psichici: bindu visarga – 2° parte

bindu visarga

La sede del nèttare In molti testi tantrici è scritto che bindu, la luna, produce una secrezione altamente inebriante. Gli yogi possono vivere di questo fluido d’ambrosia. Quando questa secrezione viene attivata nel corpo e padroneggiata, allora non c’è bisogno di altro per sopravvivere. Il mantenimento della vitalità del corpo diventa indipendente dal cibo. Spesso è stato riferito di persone … Continua a leggere

Bhramari pranayama (respiro dell’ape ronzante)

Bhramari pranayama (respiro dell'ape ronzante)

Bhramari pranayama (respiro dell’ape ronzante) La parola bhramari significa ‘ape’ e la pratica è così chiamata perché viene prodotto un suono che imita quello di un’ape. Tecnica 1 Sedetevi in una comoda asana meditativa, preferibilmente padmasana o siddhasana / siddha yoni asana con le mani appoggiate sulle ginocchia in gyana o chin mudra. Chiudete gli occhi e rilassate tutto il … Continua a leggere

Introduzione alla scienza dello swara yoga

Per migliaia di anni l’umanità ha cercato di penetrare nel regno della esperienza interiore. Ogni persona ha fatto del suo meglio per realizzare questo grande compito. Così ci sono molti modi e mezzi diversi per avere l’esperienza interiore, e di volta in volta l’uomo ha sperimentato i vari percorsi. Alcuni parlano di Karma Yoga, altri di Bhakti Yoga, Raja Yoga, … Continua a leggere

Metodi di risveglio: pranayama

Introduzione al pranayama - Le 5 principali forze vitali

Pranayama è il sesto metodo per risvegliare la kundalini. Quando un aspirante sufficientemente preparato pratica il pranayama intensamente, in un ambiente calmo, fresco e tranquillo, preferibilmente ad altitudine elevata, con una dieta sufficiente solo a mantenerlo in vita, il risveglio della kundalini avviene come un’esplosione. Infatti, il risveglio è così rapido che la kundalini sale immediatamente fino a sahasrara. Il … Continua a leggere

Cos’è la kundalini

shakti danzante

Tutti dovrebbero sapere qualcosa sulla kundalini perché rappresenta la futura coscienza dell’umanità. Kundalini è il nome della forza potenziale latente assopita nell’organismo umano, ed è situata alla base della colonna vertebrale. Nel corpo maschile è nel perineo, tra gli organi genitali ed escretori. Nel corpo femminile è situata nel collo dell’utero, nella cervice. Questo centro è conosciuto come muladhara chakra … Continua a leggere

Yogasutra – Libro del metodo (Sadhana pada): Sutra 46 – 55

Yogasutra – Libro del metodo (Sadhana pada): Sutra 46 – 55 46 स्थिरसुखमासनम् ॥४६॥ sthira-sukham-āsanam La postura è stabile e agevole. 47 प्रयत्नशैथिल्यानन्तसमापत्तिभ्याम् ॥४७॥ prayatna-śaithilya-ananta-samāpatti-bhyām [Ciò si ottiene] con il rilassamento dello sforzo e l’immedesimazione con l’infinito. 48 ततो द्वङ्द्वानभिघातः ॥४८॥ tato dvaṅdva-an-abhighātaḥ Allora si è immuni dalle coppie di contrari. 49 तस्मिन् सति श्वासप्रश्वास्योर्गतिविच्छेदः प्राणायामः ॥४९॥ tasmin sati śvāsa-praśvāsyor-gati-vicchedaḥ … Continua a leggere

Shitkari pranayama (respirazione sibilante)

Shitkari pranayama (respirazione sibilante) Questo pranayama è molto simile a shitali pranayama e viene praticato nello stesso modo tranne che per la posizione della lingua. La lingua dovrebbe essere piegata indietro in modo che la superficie inferiore tocchi la parte alta del palato. Serrate i denti e separate le labbra il più possibile. Inspirate attraverso i denti. Tutti gli altri … Continua a leggere

Introduzione ai bandha

Questo è un piccolo ma molto importante gruppo di pratiche yogiche. Queste tecniche fisiche permettono al praticante di controllare diversi organi e nervi del corpo. La parola bandha significa “tenere o stringere” che esattamente descrive le azioni fisiche che vengono richieste per praticare queste tecniche. Varie parti del corpo vengono gentilmente ma potentemente contratte e strette. Questo ha l’effetto di … Continua a leggere

Introduzione al pranayama – Consigli e precauzioni

I seguenti punti dovrebbero essere osservati con attenzione prima di iniziare la pratica del pranayama. a) Aspettate almeno quattro ore dopo i pasti prima di praticare pranayama poiché la vescica, lo stomaco e l’intestino dovrebbero essere vuoti. b) Praticare pranayama dopo le asana e prima della meditazione. c) Durante la pratica il corpo dovrebbe essere rilassato il più possibile. La … Continua a leggere