Istruzione del medico in Ayurveda

un vaidya coi suoi discepoli

Anche i medici possono sbagliare: se per esempio scambiano una malattia grave per un disturbo leggero, possono somministrare una blanda terapia purificante che aggrava i dosha; se fanno l’errore opposto, rischiano di sottoporre il paziente ad una drastica terapia purificatoria che lo fa dimagrire eccessivamente. Di solito si erra quando si prende una conoscenza parziale per una conoscenza completa: i … Continue reading

Riflessione sui centri psichici: bindu visarga – 1° parte

Bindu visarga o bindu chakra o soma chakra

La sorgente della creazione Bindu visarga è oltre il regno dell’esperienza ordinaria, e anche nei testi tantrici molto poco è scritto a suo riguardo. È il magazzino di tutti i karma dell’uomo appartenenti alle sue vite precedenti. Questi karma non sono solo sotto forma di vasana, ma anche nella forma di memorie. La parola bindu significa “goccia o punto”. È … Continue reading

Svara vijnana: Sole, Luna, Fuoco

Svara Yoga by Swami Sivananda

Il Sole, la Luna, il Fuoco Il flusso del respiro attraverso Ida, Pingala e Sushumna Nadi ha grande rilevanza per la nostra esistenza. Ida o Chandra Nadi (la Luna) è determinata dal flusso del respiro attraverso la narice sinistra. Pingala o Surya Nadi (il Sole) è determinato dal flusso nella narice destra. Queste due Nadi funzionano alternativamente. La variazione di … Continue reading

Riflessione sui centri psichici: vishuddhi chakra – 2° parte

altra immaginevishuddhi chakra

Vishuddhi chakra: nèttare e veleno Nelle scritture tantriche si dice che all’interno di bindu, nel retro del capo, la luna secerne un fluido vitale, o essenza, conosciuto come nèttare. Questo fluido trascendentale gocciola nella coscienza individuale da bindu visarga. In questo contesto bindu può essere considerato come il centro o il passaggio attraverso cui l’individualità emerge dalla coscienza cosmica in … Continue reading

Riflessione sui centri psichici: vishuddhi chakra – 1° parte

vishuddhi chakra

Vishuddhi chakra è conosciuto come il “centro della purificazione”. In Sanskrito la parola shuddhi significa “purificare” e in questo centro ha luogo la purificazione e l’armonizzazione di tutti gli opposti. Vishuddhi è anche conosciuto come “centro del nettare e del veleno”. Qui, il nettare che stilla giù da bindu si dice sia diviso tra lo stato puro e il veleno. … Continue reading

Gyana mudra e chin mudra

gyana mudra (gesto psichico della conoscenza)

Gyana mudra (gesto psichico della conoscenza) Assumete un’asana meditativa. Piegate gli indici di entrambe le mani in modo da toccare la base interna dei rispettivi pollici. Aprite le altre dita di ciascuna mano in modo da tenerle leggermente separate. Mettete le mani sulle ginocchia, con i palmi rivolti in basso, le tre dita (medio, anulare e mignolo) dritte ed il … Continue reading

Prana, la forza vitale

campo pranico

Nello Swara yoga, così come in tutti gli altri tipi di yoga, grande importanza viene data agli aspetti sia teorici che pratici del respiro. Secondo la Shiva Swarodaya: “Si deve conoscere il prana e le sue variazioni, le nadi o percorsi energetici, e i diversi tattwa o elementi del macrocosmo. Attraverso l’applicazione di tale conoscenza, lo swara yogi può conoscere … Continue reading

Purna bhujangasana (posizione completa del cobra)

Purna bhujangasana (posizione completa del cobra)

Purna bhujangasana (posizione completa del cobra) Assumete bhujangasana. Tenendo la posizione, inspirate ed espirate normalmente un paio di volte. Piegate le ginocchia e sollevare le gambe. Stirate ulteriormente all’indietro la testa, il collo e le spalle e cercare di toccare la parte posteriore della testa con le dita o con le piante dei piedi. Questa è la posizione finale. Mantenere … Continue reading

Tiryaka bhujangasana (posizione del cobra che si torce)

Tiryaka bhujangasana (posizione del cobra che si torce)

Tiryaka bhujangasana (posizione del cobra che si torce) Sdraiatevi sullo stomaco con le gambe separate di circa mezzo metro. Le dita dei piedi dovrebbero poggiare sul pavimento ed i talloni sollevati. Poggiate i palmi delle mani sul pavimento, sotto e leggermente a lato delle spalle. Le dita delle mani dovrebbero essere unite e puntare in avanti. I gomiti dovrebbero puntare … Continue reading

Sarpasana (posizione del serpente)

Sarpasana (posizione del serpente)

Sarpasana (posizione del serpente) Sdraiatevi sull’addome con le gambe dritte ed i piedi uniti. Intrecciate le dita e mettete le mani sulla parte superiore delle natiche. Appoggiate il mento sul pavimento. Questa è la posizione iniziale. Utilizzando i muscoli della parte bassa della schiena, sollevate il torace dal pavimento il più possibile. Spingete le mani più indietro possibile e sollevate … Continue reading